Il test antidroga è diventato un protocollo standard per l’impiego. A volte questi test sono richiesti dal governo, come nel caso dei lavori governativi, e altre volte sono incorporati volontariamente dalle aziende. A causa di questi test di routine, molte persone sono preoccupate di usare l’olio di CBD a causa della sua vicinanza alla marijuana e dei potenziali rischi che il CBD possa innescare un risultato positivo del test. Questa preoccupazione è giustificata. La gente deve prendere molto sul serio i test antidroga, soprattutto quando riguardano il loro sostentamento o la loro libertà.

Prima di tutto

I test antidroga di routine di solito includono test delle urine, del follicolo pilifero, della saliva e del sangue. In questo articolo, esamineremo le possibilità che il CBD venga rilevato in un test della saliva. Le possibilità di risultare positivi al CBD in questo test sono basse. La stragrande maggioranza dei test di droga salivari cerca il THC e, per legge, i prodotti CBD devono contenere meno dello 0,2% di THC. Prodotti CBD deve contenere meno dello 0,2% di THC. Tuttavia, ci sono alcuni dettagli importanti di cui dovreste essere consapevoli.

Quanto è accurato il test?

accuratezza del test della saliva per il CBD
Test salivare del THC

I test antidroga della saliva sono altamente accurati per tutte le droghe, compresi il THC e la marijuana. Tuttavia, la loro precisione è limitata, poiché possono testare solo entro una finestra di circa 48 ore.

I test delle urine sono lo standard industriale per i test antidroga, e una revisione dei dati di 4,5 milioni di test della saliva ha mostrato che i tassi di positività erano paragonabili a quelli dei test delle urine.

Le droghe di solito si mostrano in un test circa 30-60 minuti dopo l’ingestione. Alcuni farmaci da banco possono riportare falsi positivi, ma la maggior parte dei laboratori confermerà i risultati positivi con un test più completo (questa è una buona notizia per i consumatori di CBD! Torneremo su questo punto più tardi…).

In effetti, è difficile “imbrogliare” nelle prove orali perché il test è di solito fatto faccia a faccia con un collega o un professionista assunto. Le tattiche di diluizione, come quelle usate nel test delle urine, non sono efficaci nel test della saliva. Questi test sono difficili da “battere”. Ok, basta con le cose noiose. Parliamo del CBD e del test antidroga sulla saliva.

Il CBD apparirà in un test della saliva?

Come per il CBD e altri test antidroga, la risposta è molto probabilmente no. Tuttavia, c’è sempre la possibilità che la risposta sia sì. Quindi parliamo dei rischi del CBD e del test della saliva…

La maggior parte dei prodotti CBD contiene tracce di THC. Il limite legale è dello 0,2% di THC, che non è neanche lontanamente sufficiente a farti sballare. È come bere una birra analcolica. La stragrande maggioranza dei test antidroga sulla saliva cerca il THCa (il composto “genitore” del THC).

Anche se il CBD contiene quantità così piccole di THC, c’è ancora una possibilità che segnali un risultato positivo. Soprattutto nel contesto della saliva, se si assumono grandi quantità di CBD prima del test (72 ore prima), questo può essere un problema. Anche il CBD non è attualmente regolato. Questo significa che nessun organismo di regolamentazione controlla le aziende di CBD per garantire la qualità (ancora…).

Il risultato? Alcuni prodotti CBD contengono più dello 0,2% di THC, il che aumenta il rischio di un test del fluido orale positivo. Questi prodotti sono federalmente illegali e classificati come “Marijuana”. Assicuratevi di comprare da una marca rispettabile che ha rapporti di laboratorio certificati su tutti i suoi prodotti.