La vecchia generazione del paese ha ora ricevuto ampie vaccinazioni, e anche se i loro figli e nipoti sono ancora rinchiusi in Francia per il momento, possono finalmente godersi di nuovo la vita. Comunque, i prodotti CBD sono diventati molto popolari durante la pandemia, e vogliamo capire come nonna e nonno possono davvero beneficiare del cannabidiolo. Ci sono state molte ricerche su questo tema, ma non tutti i pensionati hanno bisogno del CBD.

Dopo tutto, gli ingredienti della pianta di canapa sono efficaci in molti modi. Quali sono i benefici del CBD per gli anziani? Ci sono regole specifiche per gli anziani?

Perché i cannabinoidi sono efficaci per gli anziani?

Tutti hanno un sistema endocannabinoide (ECS). Proprio come la circolazione della linfa o del sangue, molti processi nel corpo sono controllati dall’ECS. La guarigione dal dolore o dall’infiammazione e l’umore dipendono da un sistema ben funzionante. Per esempio, come al solito, la capacità di difesa immunitaria si indebolisce con l’età ed è qui che entra in gioco il CBD. Gli ingredienti della cannabis si chiamano cannabinoidi, che hanno un meccanismo biochimico in grado di stimolare il nostro sistema ECS e crescere proprio consumando cannabinoidi e altri componenti della pianta. Attiviamo l’ECS, che renderà il corpo più resistente e quindi migliorerà la salute del corpo.

Quali sono le possibilità offerte dalla CDB?

Infatti, si dovrebbe chiarire se si stanno prendendo dei farmaci – il CBD abbassa la pressione sanguigna e si dovrebbe parlare con il proprio medico prima di prenderlo per evitare effetti incrociati. Tuttavia, gli anziani non dovrebbero più credere a tutto ciò che viene detto nell’ufficio del medico e se il medico si riferisce alla canapa, al cannabidiolo e all’ECS come a un narcotico, vale soprattutto la pena di avere una seconda opinione, dopo tutto, il nostro governo sta facendo tutto il possibile per assicurare che ci sia meno educazione possibile sui cannabinoidi altamente efficaci e ben tollerati.

In ogni caso, gli anziani possono provare il CBD per i seguenti benefici:

  • Malattie neurodegenerative Il morbo di Alzheimer e la demenza sono attualmente oggetto di un’intensa ricerca e il CBD potrebbe aiutare sempre più in futuro a combattere questi gravi disturbi cerebrali, con indicazioni come il morbo di Parkinson potenzialmente alleviati dalla riduzione molto potente del cannabidiolo dell’infiammazione
  • Salute mentale : la depressione, la solitudine e l’ansia fanno purtroppo parte della vita quotidiana di molti anziani e tutti abbiamo visto le condizioni nelle case di cura di cui persone come il ministro della salute Spahn non si preoccupano. Il CBD può migliorare l’umore e dare più gioia nella vita, soprattutto perché secondo alcuni studi, la concentrazione e le funzioni cognitive migliorano.
  • Stimolazione dell’appetito : i consumatori di canapa denigrati dai media sono ben consapevoli della sensazione di fame dopo l’assunzione di marijuana e con il CBD si può certamente fare qualcosa per avere più appetito e un pasto regolare. Le persone anziane spesso non hanno fame, perdono peso e indeboliscono il sistema immunitario, che può essere combattuto aggressivamente con la canapa CBD.
  • Densità ossea Certo, nemmeno la canapa può far ricrescere le ossa in declino come in gioventù, ma alleviare almeno l’osteoporosi dolorosa in tutti i suoi effetti, è abbastanza possibile, ed ecco di nuovo l’efficacia del CBD contro l’infiammazione e come aiuto alla riparazione cellulare.

Non abbiamo nemmeno parlato del sollievo generale dal dolore, dell’infiammazione, della riduzione dello stress e persino dei benefici per la salute del cuore, ma è chiaro: il CBD è un prodotto versatile ed è generalmente ben tollerato, ha un effetto leggero e può essere un buon aiuto sia per i problemi acuti che per lo stress cronico quando invecchiamo.